/ Blog / Giradischi – TurnTable S

Giradischi – TurnTable S

 

 

 

Giradischi – TurnTable S

Per noi di Blue Moon il buon suono e l’utilizzo del giradischi, passa per 3 necessità essenziali.

1) La testina deve poter tracciare più liberamente possibile per estrarre quanto più possibile il segnale dal solco dell’LP.

2) Il segnale prelevato dalla testina deve essere inquinato il meno possibile da vibrazioni spurie provenienti dall’esterno.

3) Il giradischi deve essere più semplice possibile per permetterne un facile utilizzo.

 

In sintesi si tratta di combattere la micro-vibrazioni che si sovrappongono al movimento del cantilever.

Per soddisfare questi requisiti, abbiamo utilizzato una base semi rigida e la trazione a cinghia.

La base è composta da due piani in metacrilato sovrapposti, separati da degli O-ring, e unite con delle spine di legno.

Il motore è montato elasticamente sul ripiano più basso, mentre il perno del piatto, al ripiano superiore.

 

Sul piatto è contraddistinto dei supporti esterni per  disaccoppiare LP dal giradischi

 

Questa soluzione permette di disaccoppiare facilmente il motore, considerato uno dei generatori delle vibrazioni nocive, dagli altri organi meccanici con i quali lo stilo verrà a contatto (braccio e piatto).

 

Anche il piatto è in metacrilato, con sei supporti cilindrici collocati in posizione periferica, così da minimizzare il contatto del disco con il giradischi stesso.

 

Tutti i materiali usati hanno grande capacità di assorbimento e dispersione delle micro-vibrazioni.

 

Il braccio scelto è in fibra di carbonio, molto leggero e minimamente risuonante.

 

 

 

Specifiche tecniche

Velocità – 33, 45 (manual speed change)

Trazione – a cinghia

Piatto – 300mm metacrilato

Perno – Acciaio

Wow & flutter –  +/- 0,10%

Speed drift –  +/- 0,80%

Rapporto segnale/rumore – 68dB

Alimentatore – Esterno

Voltaggio – 230/240 Volt – 50

Consumo in Standby –  < 1 watt

 

Braccio – Pro-Ject 8,6”, Fibra di carbonio

Lunghezza effettiva – 218,5 mm

Massa effettiva – 6,0 g

Overhang 18,5mm

Forza di tracciamento 10 – 30mN

Eccessori inclusi – 15 volts DC / 0,8A power supply, dust cover

Alimentatore – Esterno

Voltaggio – 230/240 Volt – 50

Consumo in Standby –  < 1 watt

Dimensioni – 415 x 118 x 320mm (LxAxP)

Peso – 5,6 kg

 

 

 

 

Note di ascolto

Il Turntable S unisce la velocità e la dinamica, che garantiscono un suono analogico moderno, con la neutralità timbrica e la naturalezza sonica generati dai materiali impiegati e dalle scelte di progetto.

 

La fluidità di emissione, unita all’ottimo livello di musicalità, fanno amare immediatamente questo giradischi, anche in virtù della piacevolissima veste estetica, moderna ma funzionale.

La solida ricostruzione della scena acustica risulta, anche con una onesta tesina MM come quella in dotazione, di grande struttura.

 

 

 

 

Allo stesso modo, grazie alla concretezza armonica, si godrà di sonorità sempre a fuoco e ottimamente articolate a livello timbrico.

Naturalmente basterà montare un fonorivelatore MC per avere una impennata delle prestazioni.

La trasparenza e la finezza di grana regaleranno emozionanti ascolti.

Questo giradischi è un vero Jolly, che unisce bellezza estetica, alto livello prestazionale e facilità di utilizzo con un invidiabile rapporto qualità/prezzo.

 

 

 

Per ascolti e info

email: sophoshiend@gmail.com

Bruno Fazzini – tel. + 39 347  1402138

 


Link

Link Shop

Shop – Turntable – Islands

Shop – TurnTable S

Shop – Tonearms – Deep Blue


 

Gallery

 

 

 

 

 

 

Il braccio Pro-Ject in fibra di carbonio.

 

 

La testina MM Ortofon assicura prestazione, per rapporto qualità/prezzo, davvero eccezionali.

 

 

Il sistema Blue Moon deve è stato ascoltato il nostro TurnTable S

 

 

La Blue Moon ha una sua filosofia progettuale che si fonda sulla naturalezza della riproduzione musicale. Per tendere a tale obiettivo seguiamo due percorsi principali. Il primo riguarda l'uso di amplificatori di potenza elevata (classe D con alimentazione simile a quella analogica). Il secondo si occupa di diffusori che impiegano molti trasduttori (Linea Source). Queste due strategie mirano a sfruttare solo una piccola parte del lavoro prodotto dai componenti in modo da ridurre notevolmente la distorsione a vantaggio della qualità del suono. Un'altra scelta progettuale importante è quella della Multi Amplificazione grazie alla quale l'evento sonoro risulta il più vicino possibile all'evento reale. Tutto questo in aggiunta al nostro lettore di file innovativo, al nostro preamplificatore senza condensatori elettrolitici, al nostro musicalissimo convertitore, ai nostri cavi con percorsi paralleli e ai nostri tavolini con prese di corrente integrate e filtro di rete passivo. La naturalezza della riproduzione, ossia la verità della riproduzione dell’evento sonoro, è però condizionata anche da fattori esterni alla catena d’ascolto. Due sono i principali fattori condizionanti esterni. Il primo è certamente l’ambiente dove si ascolta. E’ importante che la sala d’ascolto abbia un buon equilibrio tra assorbimento e riflessione; ad essa dovrà essere dedicata la massima attenzione nella messa a punto delle sue capacità di accogliere la riproduzione dell’evento audio. Nel libro Dizionario Enciclopedico dell’Audio Hi Fi l’autore ha dedicato molti paragrafi a questa problematica, dando utili indicazioni alla taratura dell’ambiente d’ascolto. http://www.edizionirockshock.it/manuale-guida/bruno-fazzini-dizionario-enciclopedico-audio-hi-fi/ Il secondo fattore riguarda le incisioni che gli appassionati hanno a disposizione. La maggioranza delle registrazioni disponibili oggi sono di qualità non adeguata perché orientate e pensate per impianti economici se non addirittura per ascolti in auto. In virtù di questo i fonici con pochi scrupoli audiofili calcano la mano, realizzando incisioni afflitte da evidenti compressioni e povere di realtà dinamica, ma cariche altresì di esasperazioni innaturali in alcune gamme di frequenza. Allora cosa fare? Nell’ottica di poter ascoltare qualunque album in modo da godere della bellezza artistica di ogni opera, possiamo ovviare alle scadenti registrazioni in commercio proponendo di collezionare la Best Recordings, una selezione di incisioni di riferimento assoluto da noi elaborata scelta fra tutta la produzione mondiale.

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Your email address will not be published. Required fields are marked *